Dichiariamo guerra alla cellulite!

La cellulite è ormai diffusamente definita come una patologia che interessa la pelle e il tessuto adiposo sottocutaneo. Per molte donne è un cruccio, soprattutto se associata ad edema e ristagno dei liquidi, provocando l’antiestetico effetto a “buccia d’arancia” e le introflessioni della pelle, fino ad arrivare alla formazione di veri e propri noduli, anche dolenti al tatto.
Le cause della cellulite sono svariate e correggendo le cattive abitudini, come alimentazione poco sana, scarso consumo di acqua e sedentarietà, è possibile ritardarne o bloccarne l’insorgenza o ridurre gli inestetismi ad essa associati.
Ma dove dieta e attività fisica non bastano, ecco venirci incontro integratori naturali da assumere quotidianamente e prodotti per applicazione topica da usare di giorno o di notte, tramite massaggio o impacco. Queste sostanze, tutte rigorosamente di origine naturale, espletano un effetto drenante, tonificante e riattivante il metabolismo, in grado di fare drenare i liquidi in eccesso, migliorare il trofismo cutaneo e lisciare e affinare la grana della pelle, donando un aspetto più levigato e compatto.
Esistono, però, determinate situazioni, anche associate a sovrappeso o disturbi circolatori, dove si richiede un intervento più mirato ed efficace.
Operatori ed operatrici qualificate possono effettuare cicli di massaggi linfodrenanti, per favorire il ritorno venoso e quindi migliorare la circolazione, tramite anche l’ausilio di oli essenziali e prodotti topici drenanti. Ma se anche questo non basta, entriamo allora nell’ambito della medicina estetica, che offre numerosi trattamenti, mirati e professionali, eseguiti con tempi, modi e intensità scelti ad personam, quindi sulle necessità specifiche del singolo individuo che li richiede. Studiando la corporatura del cliente e le caratteristiche del problema, la medicina estetica offre tecniche come:
la pressoterapia, che agisce profondamente sulla circolazione venosa e linfatica, attraverso una specifica apparecchiatura che avvolge il corpo come una tuta;
la carbossiterapia, in cui si insuffla dell’anidride carbonica nei tessuti cutaneo e sottocutaneo, attraverso un piccolo ago: stimolando la produzione di ossigeno a livello muscolare, si migliora il trofismo dei tessuti e l’eliminazione di liquidi;
la mesoterapia e la microterapia, in cui dei farmaci diluiti vengono iniettati sottocute attraverso minuscoli aghi;
la cavitazione, detta anche liposuzione ultrasonica esterna, indolore e non invasiva, in cui attraverso l’utilizzo di ultrasuoni a bassa frequenza (40-200 Khz) è possibile fare implodere le cellule adipose ed eliminarne il contenuto grasso attraverso la circolazione linfatica. Il metodo è relativamente costoso e va eseguito solo da medici esperti, ma non dà luogo ad effetti sgradevoli dopo il trattamento, nè necessita di periodi di convalescenza.
la crioscultura, detta anche crioelettroforesi , è un trattamento “freddo” che si avvale di manipoli di ghiaccio per massaggiare la zona interessata, mentre piccole scariche elettriche veicolano i principi attivi in essi contenuti. Il trattamento è costoso e un po’ fastidioso, ma non doloroso perché il ghiaccio anestetizza la parte colpita.
Questi sono solo alcuni dei trattamenti innovativi a disposizione di chi vuole migliorare il proprio aspetto fisico e, in certi casi, preservare anche la salute delle gambe. Ma è sempre indispensabile rivolgersi ad un operatore esperto ed effettuare prima una visita medica, per poter stabilire quale trattamento sia più indicato ed escludere eventuali patologie o controindicazioni, per poter scegliere al meglio e con serenità.